Comunità polacca in Inghilterra

polish community in england

Date un’occhiata a come la comunità polacca in Inghilterra si è integrata nella società e nella cultura inglese, al suo contributo all’economia e al suo impatto sulle comunità locali. Esplorate le esperienze di coloro che hanno fatto dell’Inghilterra la loro casa, ciò che li rende unici e le sfide che devono affrontare.

Breve storia della migrazione dei polacchi

A seguito della Seconda guerra mondiale, il numero di polacchi nel Regno Unito ha subito un’impennata: da 44.642 a 162.339 tra il 1931 e il 1951. Questo afflusso ha creato la comunità polacca, la cui influenza risuona ancora oggi.

Il 12 dicembre 1939, Lord Lloyd e l’ambasciatore della Repubblica di Polonia Edward Raczyński discussero in un incontro la possibilità di aprire un centro culturale polacco a Londra. Da allora, questo club è stato l’epicentro della vita sociale dei polacchi che vivono fuori dal loro Paese: dagli eventi culturali alle opportunità di networking, tutte le comunità polacche si sono unite in un unico luogo.

La creazione del centro è stata rafforzata dai soldati polacchi e dalle loro famiglie che sono emigrati in Gran Bretagna durante la Seconda guerra mondiale e le sue conseguenze. Queste persone coraggiose, leggende viventi la cui vita rispecchiava tre valori fondamentali: dio, Onore e Patria”, sono stati una grande fonte di ispirazione per molti. Tra gli altri piccoli club polacchi, questo era il più significativo.

I valorosi e coraggiosi guerrieri che hanno combattuto in guerra hanno portato a termine in modo disinteressato la loro missione di creare una Repubblica polacca indipendente. È stato riconosciuto dallo stesso Papa di aver fondato una “Polonia fuori dalla Polonia” e di aver costruito la diaspora polacca. Anche gli eroici piloti che hanno trionfato nella Battaglia d’Inghilterra e a Monte Cassino dovrebbero essere elogiati per il loro valoroso impegno.

Al club è stato istituito un tavolo generale, al quale hanno partecipato i generali Anders, Kopaliński, Kukiel, Rudnicki e molti altri, tutti presenti con le loro mogli. L’Ognisko Polskie era un luogo di ritrovo popolare per colonnelli, generali e personaggi noti dell’epoca, che si riunivano regolarmente al club per socializzare con i loro compagni d’arme che vivevano nel Regno Unito.

La cultura polacca immersa nel famoso club

Questo famoso club attirava anche personaggi acclamati della letteratura e dell’arte che desideravano entrare in contatto con altri membri della diaspora polacca che vivevano in Gran Bretagna. Ad esempio, l’iconico musicista Artur Rubinstein e il celebre pittore Feliks Topolski.

Tra gli stimati polacchi c’erano Stanisław Baliński, Marian Hemar e Karol Zbyszewski. Insieme a loro sono arrivati Tadeusz Nowakowski, Bronisław Przyłuski e altri ancora. Inoltre, il club ha accolto Wieslaw Wohnout e Julius Sakowski con Mieczyslaw. Ultimo, ma non meno importante, della generazione più giovane è stato Adam Zamoyski – un eminente storico – che ha abbellito il club con la sua presenza occasionale! A proposito del futuro degli immigrati polacchi e della presenza della cultura polacca nel Regno Unito.

Ognisko Polskie – Primo club di cultura polacca

Il 16 luglio 1940 aprì a Londra il primo Ognisko Polskie, un club, ristorante, teatro e sala espositiva polacchi. Si trova al 55 di Exhibition Road, nella zona esclusiva di South Kensington, dove si trova tuttora. L’Ognisko Polskie è un locale iconico dotato di tutto ciò che si può desiderare per vivere un momento piacevole.

Nel corso degli anni, innumerevoli soldati polacchi hanno contribuito a costruire e finanziare il Centro sociale e culturale polacco, alcune case parrocchiali e le strutture dell’Associazione dei veterani polacchi.

L’aspirazione principale di questo ente era quella di essere un difensore dei polacchi e della comunità polacca residente all’estero, proteggendoli di fronte alle autorità britanniche. La maggior parte dei polacchi ammette di essere grata a questa organizzazione e all’aiuto che ha fornito alla propria comunità.

La seconda ondata migratoria dei polacchi nel Regno Unito

Dopo la dichiarazione della legge marziale in Polonia durante gli anni ’80, è emersa una nuova ondata di emigrazione politica e molti polacchi hanno scelto di iniziare una nuova vita in Gran Bretagna. Questo flusso è stato determinante per lo sviluppo del Centro culturale polacco situato in King Street, nel quartiere di Hammersmith, che è tuttora operativo.

Nel 1966 fu fondato il Centro sociale e culturale polacco (POSK) al numero 9 di Ravenscourt Avenue. Ci sono voluti 8 anni perché l’ing. Roman Wajda per farlo aprire ufficialmente su iniziativa della comunità polacca in Gran Bretagna nel 1974. Tre anni dopo, finalmente, anche la biblioteca si trasferì in questo edificio nel maggio 1977.

Tra le mura dell’edificio c’è una stanza conosciuta come “Raspberry Hall”, che ancora oggi porta il suo nome originale. A metà degli anni Ottanta, l’edificio ospitava l’università, la libreria, il teatro e altri servizi come il ristorante “Łowiczanka” e il club giovanile. Da allora, inoltre, il POSK si è trasformato in un epicentro del movimento indipendentista polacco, con le sue diverse attività socio-culturali, tra cui mostre e proiezioni di film, oggi molto richieste. Degna di nota è anche la Biblioteca polacca di Londra, fondata qui nel 1942 e parte integrante di questo vivace complesso culturale.

POSK – Casa della Comunità Polacca

Il POSK è cresciuto fino a ospitare numerose organizzazioni della diaspora polacca, come l’Istituto Józef Piłsudski, la straordinaria Università Polacca in Esilio (PUNO), la rinomata Società Scientifica Polacca in Esilio (PTNO) e l’apprezzata Associazione dei Veterani Polacchi (SPK).

Nel 2003, quando la Polonia non era ancora un Paese dell’UE, nel Regno Unito vivevano 69.000 polacchi. Tuttavia, in seguito all’adesione all’Unione Europea nel 2004 e fino ad oggi, l’immigrazione polacca ha registrato un forte incremento, diventando il secondo gruppo di immigrati dopo gli indù!

Dati extra sulla comunità polacca

Il polacco è la seconda lingua più parlata in Inghilterra e precede solo l’inglese e il gallese per utilizzo in tutta la Gran Bretagna.
Circa l’1% di tutti i cittadini del Regno Unito utilizza il polacco quotidianamente. Nel 2018, una ricerca condotta dall’Office for National Statistics ha rivelato che 905.000 polacchi vivono in Gran Bretagna.

Con l’aumento dei polacchi che scelgono di tornare in patria, la comunità polacca che vive in Inghilterra è già ben radicata e influenza notevolmente la politica britannica. È essenziale che ogni politico britannico saggio tenga conto delle prospettive e delle convinzioni della diaspora polacca.

L’ex primo ministro Teresa May e Boris Johnson hanno entrambi colto l’opportunità di riconoscere il ruolo indispensabile dei polacchi nella società britannica, dimostrando pubblicamente il loro sostegno partecipando a importanti celebrazioni storiche e culturali polacche.

Quanti polacchi vivono in Inghilterra?

Nel maggio 2020, 68 milioni di polacchi risiedevano in Inghilterra.

Conclusione

La comunità polacca in Gran Bretagna ha fatto molta strada dalla prima ondata migratoria del secondo dopoguerra. L’istituzione del POSK e di altre organizzazioni culturali è stata determinante per lo sviluppo di questa vivace diaspora, consentendo loro di preservare il proprio patrimonio e la propria cultura all’estero. Oggi i polacchi sono il secondo gruppo di immigrati in Inghilterra, con 905.000 persone che usano il polacco come lingua quotidiana nel Regno Unito.

In vista di un futuro incerto a causa della Brexit, è essenziale che i politici britannici riconoscano l’importanza di mantenere forti legami con la Polonia e la popolazione polacca in Inghilterra, impegnandosi con i cittadini che vi risiedono. Con una comprensione reciproca tra i due Paesi e il rispetto per le rispettive culture, solo così si potranno ottenere veri progressi in futuro.

Cosa ci aspetta per i polacchi britannici? Quali implicazioni avrà la Brexit sulle relazioni tra Polonia e Gran Bretagna? Solo il tempo ce lo dirà!

Altri articoli: