I polacchi e 11 fatti su di loro

poles

I polacchi o i polacchi che vivono in un Paese slavo occidentale sono uniti dal loro patrimonio e dalla loro cultura comune. La Costituzione della Repubblica di Polonia definisce i suoi cittadini come polacchi, indipendentemente dall’etnia o dalla provenienza. Inoltre, la maggior parte dei polacchi pratica il cattolicesimo romano, circa il 90% della popolazione, a dimostrazione di un Paese omogeneo. Con legami così forti, non c’è da stupirsi che i polacchi abbiano creato un segno indelebile nell’Europa centrale!

In questo articolo vi illustreremo alcuni fatti sui polacchi e su chi sono. Allacciate le cinture!

1- La popolazione polacca è al sesto posto tra tutte le nazioni in Europa

Le stime di diverse fonti indicano un totale di 60 milioni di persone in tutto il mondo che si identificano come polacchi (con 18-20 milioni che vivono al di fuori dei territori polacchi). Di questi, circa 38 milioni di polacchi vivono in Polonia.

Inoltre, ci sono comunità consistenti di persone di origine polacca situate vicino ai confini del Paese che in passato erano occupati o facevano parte della Polonia: Repubblica Ceca, Slovacchia, Lituania, Lettonia, Ucraina occidentale e Bielorussia. La maggior parte dell’Europa centrale e orientale.

2- In Polonia, “Polonia” è un termine usato per indicare le persone di origine polacca che vivono al di fuori dei confini del Paese

Con una ricca storia di coloni polacchi, la Francia ospita una delle diaspore polacche più importanti del mondo. Per secoli, i polacchi sono immigrati in Francia a causa di guerre o conflitti politici.

Solo durante la Seconda Guerra Mondiale e la Guerra Fredda, più di un milione di persone sono fuggite dalla loro nazione in cerca di rifugio. Oggi, questa forte comunità continua a crescere, cercando di ottenere migliori opportunità e di continuare la sua eredità culturale in tutta Europa. Il governo polacco, ad esempio, ha subito grandi cambiamenti dall’epoca comunista dello Stato polacco.

3- Al di là dei confini della Polonia, Chicago ha raggiunto un’ineguagliabile distinzione globale come città più polacca del mondo

Decine di migliaia di immigrati polacchi si sono stabiliti negli Stati Uniti in città come Chicago, Milwaukee, Detroit, New Jersey e molte altre. La più alta densità di questo gran numero di polacchi americani si trova a New Britain, nel Connecticut, che vanta una delle comunità più imponenti da costa a costa.

La metà di questo afflusso è stata condivisa con i vicini statunitensi del Nord. Anche il Canada ha vissuto un’ondata migratoria a partire dalla Seconda guerra mondiale, che poi è aumentata in modo significativo dopo l’instaurazione del comunismo in Polonia, intorno al 1989.

4- La maggior parte dei polacchi che si sono recati in Brasile ha deciso di stabilirsi nello Stato del Paraná.

Anche se la popolazione è più ridotta, c’è un numero significativo di polacchi che si sono stabiliti nello Stato di Rio Grande do Sul, Espírito Santo e São Paulo. In effetti, Curitiba detiene la seconda più alta concentrazione di polacchi che vivono all’estero (seconda solo a Chicago). Per questo motivo non è raro che la maggior parte delle persone e degli abitanti del luogo abbraccino la loro eredità attraverso la musica, i piatti e la cultura.

5- Il Regno Unito detiene il più alto numero di immigrati polacchi tra tutti i Paesi dell’UE

Dopo l’ingresso della Polonia nell’Unione Europea nel 2004 e la possibilità di immigrare in altri Paesi dell’UE, un numero considerevole di polacchi ha iniziato a migrare all’estero.

Si stima che circa due milioni di persone, soprattutto nella fascia di età compresa tra i 18 e i 35 anni, abbiano lasciato il loro Paese alla ricerca di opportunità di lavoro altrove. Di questi, più di 500 mila individui si sono recati in Gran Bretagna alla ricerca di migliori opportunità di lavoro.

Dove sono i polacchi in Europa?

Dal 2011 i polacchi possono lavorare in tutta l’UE e non solo in Inghilterra (Regno Unito). L’adesione della Polonia all’Unione europea nel 2004 ha fatto sì che i cittadini avessero pieni diritti di lavoro anche in Irlanda e Svezia. La popolazione polacca all’estero è cresciuta in modo esponenziale – ad esempio, oggi ci sono 120.000 polacchi che vivono in Norvegia, il che li rende il più grande gruppo di immigrati del Paese!

Tuttavia, di recente questo numero è leggermente diminuito, in particolare in Inghilterra, dove solo lo scorso anno sono emigrati 116.000 polacchi. L’Irlanda ospita una consistente comunità polacca, stimata al 2,57% della popolazione.

Basta parlare di migrazione. Che dire di alcuni tratti caratteriali che li distinguono dagli altri popoli dell’UE e del mondo?

6- I polacchi sono rinomati per la loro intelligenza e curiosità

Amano sperimentare nuove culture viaggiando in tutto il mondo, e anche entrare in contatto con persone di altri Paesi. L’amicizia è molto importante per loro: hanno un grande rispetto per le persone più vicine nella vita.

La patria del maggior numero di Premi Nobel al mondo, 19 per l’esattezza, dimostra la loro intelligenza e la loro capacità di raggiungere il meglio in ciò che fanno.

7- Nelle situazioni sociali, i polacchi sono noti per la loro capacità di creare un’atmosfera calda e invitante

I polacchi sono noti per la loro natura accogliente e la loro autenticità. Tuttavia, parte di questa ospitalità comprende il consumo di alcolici. Infatti, i polacchi lo considerano essenziale per qualsiasi incontro sociale o celebrazione. Partecipare a un matrimonio polacco senza bere sarebbe considerato un insulto per gli altri polacchi presenti!

8- I polacchi hanno un profondo apprezzamento per la libertà, l’autonomia e la pace

Se chiedete a una donna polacca quanto il suo governo le permetta di sentirsi libera e autonoma, sarà in grado di raccontare una straordinaria storia di resilienza. Anche in tempi in cui le condizioni sono immensamente complicate, i polacchi dimostrano una grande unità, ignorando le posizioni politiche o le convenzioni della società ed essendo disposti ad andare oltre per ciò che è veramente importante.

La storia della Polonia è complicata, ma tra tutti i dibattiti pubblici possiamo concordare sul fatto che i polacchi hanno prevalso a prescindere dalle circostanze. Dal conflitto russo all’olocausto e all’invasione tedesca, i polacchi ne hanno passate troppe. Ma oggi sono qui, più forti che mai.

9- Spesso i polacchi sono pronti a prendersi in giro

Questo tipo di umorismo autoironico e di mancanza di vanità può sorprendere alcuni visitatori stranieri, ma è un riflesso dell’umiltà e della capacità dei polacchi di ridere di se stessi nonostante i momenti difficili. Ecco perché molte barzellette polacche si concentrano sul loro spirito di resistenza e sulla capacità di superare le difficoltà con un sorriso.

10- La famiglia viene prima di tutto

I polacchi considerano la creazione di una famiglia e l’avere figli l’obiettivo finale della vita. Sono disposti a fare enormi sacrifici per la loro famiglia, a volte persino a modificare il significato di farne parte, solo per poter rinunciare a se stessi per il bene dei loro amati figli.

È uno dei pochi Paesi in Europa ancora fortemente legato al concetto di famiglia nucleare. La famiglia è il punto di contatto della Polonia con se stessa come Paese.

11- I polacchi sono molto apprezzati come lavoratori all’estero

Lavorare in modo rapido ed efficiente è la loro priorità assoluta, perché capiscono che per ottenere un profitto il lavoro deve essere completato al meglio. La risposta positiva dei clienti li motiva ogni giorno di più ad assumersi ulteriori responsabilità, con maggiori ricompense per chi è all’altezza della sfida. Sono consapevoli dell’importanza del denaro e lo rispettano molto.

Le qualità che i polacchi possiedono li rendono lavoratori preziosi sia in patria che all’estero, indipendentemente dal settore in cui operano. Sono laboriosi, creativi, leali e impegnati, tutte qualità che sono state affinate in secoli di difficoltà.

Grazie alla loro dedizione al lavoro e al successo, sono molto ricercati in molti luoghi del mondo. Che sia in Irlanda, Norvegia, Inghilterra o altrove, i polacchi hanno un enorme impatto sui Paesi che li ospitano e contribuiscono a costruire un futuro migliore per tutti.

Conclusioni

Pur essendo fiducioso nel mio ritratto del polacco medio, è importante notare che c’è una distinzione tra Suzan, il direttore marketing di Varsavia, e Phil, l’autista di autobus di un’altra piccola città. Pertanto, il mio onesto ma impetuoso tentativo di caratterizzare i polacchi deve essere visto come una rappresentazione complessiva piuttosto che come una specifica individuale delle persone di origine polacca.

Le mie opinioni non riflettono necessariamente ciò che sono i polacchi. L’articolo si basa su ricerche e rappresentazioni generali su di loro. Ogni essere vivente su questo pianeta è unico a modo suo, ma i polacchi hanno alcune caratteristiche comuni dovute al fatto di essere nati, cresciuti e istruiti in questo Paese.

Prima di andare via, ho alcune informazioni carine per voi, divertitevi:

Perché i polacchi si chiamano polacchi?

I nomi delle tribù hanno origine dal proto-indoeuropeo *pleh2, che significa piatto e pianura e rappresenta la topografia della regione in cui i polacchi occidentali si sono originariamente stabiliti. Il prefisso “pol” è utilizzato in larga misura da tutte le lingue per riferirsi ai polacchi (spagnolopolaco, italianopolaco, francesepoloniais, tedescopol)

Altri articoli: