I Turchi in Germania

turkish people in germany

I turchi in Germania: Crescere in Turchia e adattarsi alla cultura tedesca può essere una delle esperienze più gratificanti che si possano fare.

Anche se alcuni potrebbero pensare che vivere e lavorare in Germania come turchi possa sembrare intimidatorio, non è così.

Inoltre, il fatto che i turchi in Germania lavorano, comporta numerosi vantaggi per i datori di lavoro e i dipendenti: dal contribuire a migliorare le opportunità di apprendimento della lingua per le generazioni turche nate all’estero al mettere in contatto le popolazioni locali con il più ampio dibattito sull’immigrazione.

Questo post del blog è dedicato a illustrare come l’integrazione moderna tra Turchia e Germania sia reciprocamente vantaggiosa, esplorando il panorama culturale dei lavoratori turchi che vivono oggi in Germania, senza perdere di vista le aree in cui si potrebbe ancora migliorare. Inoltre, forniremo suggerimenti sulle risorse esistenti per coloro che stanno pensando di intraprendere un viaggio simile e che vogliono assicurarsi che la loro esperienza sia un successo in ogni fase.

Immigrati turchi

La Germania occidentale ha assistito a un “miracolo economico” a metà del XX secolo, ma l’erezione del Muro di Berlino nel 1961 ha peggiorato la carenza di manodopera nel Paese, limitando l’afflusso di immigrati dalla Germania orientale. Per questo motivo, il 30 ottobre 1961, il governo della Germania Ovest diede formalmente il benvenuto al popolo turco per l’immigrazione nel Paese, firmando un accordo di reclutamento di manodopera con la Repubblica di Turchia.

Per prolungare il soggiorno dei lavoratori turchi in Germania Ovest, nel 1961-1962 le aziende tedesche esercitarono notevoli pressioni sullo Stato affinché abrogasse la clausola di limitazione di due anni dell’accordo Gastarbeiter (o “lavoratore ospite”).

La maggior parte degli immigrati turchi in Germania Ovest intendeva soggiornarvi solo per un breve periodo prima di tornare in Turchia per iniziare una nuova vita con i soldi guadagnati. La migrazione di ritorno è aumentata durante la recessione del 1966-1967, la crisi petrolifera del 1973 e il programma di bonus per la remigrazione dei primi anni Ottanta.

Tuttavia, rispetto al numero di immigrati turchi entrati in Germania, il numero di migranti che alla fine sono tornati in Turchia è rimasto piuttosto basso. L’obiettivo del ricongiungimento familiare è stato in qualche modo favorito dai diritti di ricongiungimento familiare adottati nel 1974, che consentivano ai dipendenti turchi di portare in Germania le loro famiglie e di svolgere lavori di vestiario.

La comunità turca in Germania

I turchi in Germania: La diaspora turca in Germania è una minoranza etnica cresciuta in modo significativo negli ultimi 70 anni. Con la società tedesca che offre elevati standard di vita e opportunità di istruzione, i turchi hanno continuato ad essere attratti dalla Germania come luogo ideale per l’immigrazione, formando rapidamente forti comunità turco-tedesche.

Sebbene esistano ancora grandi differenze tra la cultura tedesca e quella turca, i turchi tedeschi hanno contribuito attivamente alla cultura e allo stile di vita tedeschi, arricchendo la più ampia comunità tedesca e facendo progredire la consapevolezza globale del Paese. Abbracciando il dialogo culturale, i turchi tedeschi stanno dando un contributo prezioso alla Germania e alla loro patria ancestrale in termini di approfondimenti culturali e comprensione sociale.

Dati e stime dello Stato tedesco

Lo Stato tedesco non consente ai cittadini di autodichiarare la propria identità; di conseguenza, le statistiche pubblicate nel censimento ufficiale tedesco non riportano dati sull’etnia. Secondo il censimento del 2011, 2,7 milioni di residenti in Germania avevano un “background migratorio” proveniente dalla Turchia[Tuttavia, questo dato esclude le etnie turche con entrambi i genitori nati con la cittadinanza tedesca e le significative comunità etniche turche che sono migrate in Germania dai Balcani e dal Levante.

Già nel 1997 (cioè 14 anni prima del censimento del 2011), il Cancelliere della Germania, Helmut Kohl, aveva affermato che in Germania vivevano già 3 milioni di turchi. Inoltre, all’epoca del censimento del 2011, un rapporto pubblicato dall’Ambasciata di Germania a Washington D.C. affermava che i turchi in Germania erano circa 4 milioni, di cui 2 milioni con cittadinanza tedesca. Più recentemente, nel 2013, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha dichiarato: “La Leitkultur tedesca deve essere accettata dai sette milioni di immigrati turchi in Germania”

La caduta del Muro di Berlino e la migrazione

Un intenso dibattito pubblico sulle definizioni di identità nazionale e cittadinanza, in particolare sulla posizione della minoranza turca nel futuro della Germania unificata, è seguito al crollo del Muro di Berlino nel 1989 e alla riunificazione della Germania Est e Ovest. Queste discussioni sulla cittadinanza sono state accompagnate da atti di xenofobia e violenza razziale nei confronti della popolazione turca. Gli ex Stati orientali della Germania, che hanno subito significative trasformazioni sociali ed economiche durante il processo di riunificazione, hanno sperimentato un sentimento anti-immigrati particolarmente forte. Le comunità turche hanno temuto per la loro sicurezza in tutta la Germania, con 1.500 casi segnalati di violenza di destra e 2.200 casi l’anno successivo.

Oltre ad aumentare la consapevolezza dei problemi di integrazione, la retorica politica a favore delle “zone libere da stranieri” (Ausländer-Freie Zonen) e la crescita delle organizzazioni neonaziste hanno anche aumentato il sostegno dei tedeschi liberali all’idea opposta che la Germania sia un Paese “multiculturale”. Ci è voluto molto tempo prima che le leggi sulla cittadinanza stabilissero l’ammissibilità in base al luogo di nascita piuttosto che all’ascendenza, e la doppia cittadinanza è ancora soggetta a regolamenti onerosi. Ma sempre più tedeschi turchi di seconda generazione hanno scelto di diventare cittadini tedeschi e sono sempre più coinvolti in politica.

Cittadinanza tedesca per i residenti turchi

Per decenni i cittadini turchi in Germania non hanno potuto diventare cittadini tedeschi a causa del tradizionale concetto tedesco di “nazione” La nozione giuridica di cittadinanza si basava sui “legami di sangue” dei genitori tedeschi, in contrapposizione alla cittadinanza basata sul Paese di nascita e di residenza. In questo modo, si aderiva alla nozione politica secondo cui la Germania non era un Paese di immigrazione. Per questo motivo, solo le persone di origine parzialmente turca (con un genitore etnicamente tedesco) potevano ottenere la cittadinanza tedesca.

Nel 1990 la legge tedesca sulla cittadinanza è stata in qualche modo ammorbidita con l’introduzione della legge sugli stranieri, che ha dato ai lavoratori turchi e ai turchi all’estero in Germania il diritto di richiedere un permesso di residenza permanente dopo otto anni di permanenza nel Paese. Per quanto riguarda le persone di origine turca nate in Germania, anch’esse legalmente “straniere”, è stato concesso loro il diritto di acquisire la cittadinanza tedesca all’età di diciotto anni, a condizione di rinunciare alla cittadinanza turca.

Doppia cittadinanza per i turchi in Germania

La legge sulla cittadinanza del 1999, entrata ufficialmente in vigore il 1° gennaio 2000, ha facilitato l’acquisizione della cittadinanza tedesca per le persone nate fuori dalla Germania, rendendola disponibile agli immigrati turchi dopo otto anni di residenza legale nel Paese. La disposizione più innovativa della legge ha concesso la doppia cittadinanza ai bambini di origine turca nati in Germania; tuttavia, questo diritto alla doppia cittadinanza termina all’età di 23 anni e i portatori devono decidere se mantenere la cittadinanza tedesca o quella del Paese di nascita dei genitori.

Gli ex cittadini turchi che hanno rinunciato alla cittadinanza possono richiedere la “Carta Blu”(Mavi Kart), che conferisce loro alcuni diritti in Turchia, come il diritto di vivere e lavorare in Turchia, il diritto di possedere ed ereditare terreni o il diritto di successione; tuttavia, non hanno il diritto di voto.

Nel 2011 l’Ambasciata di Germania a Washington D.C. ha riferito che nel 2005 c’erano 2 milioni di turchi che avevano già la cittadinanza tedesca.

Migrazione turca dalla diaspora moderna

Oltre alle persone di etnia turca emigrate in Germania dagli Stati nazionali moderni post-ottomani, si è registrata anche una crescente ondata migratoria dalla diaspora turca moderna. Ad esempio, anche i membri della comunità turco-olandese sono arrivati in Germania come cittadini olandesi.

Secondo uno studio di Petra Wieke de Jong, incentrato sulle persone turco-olandesi di seconda generazione, nate in particolare tra il 1983 e il 1992, solo 805 persone di questa fascia d’età e generazione hanno indicato la Germania come Paese di emigrazione dal 2001 al 2017. Altre 1.761 persone di questo gruppo non hanno indicato la loro destinazione di emigrazione.

La lingua turca in Germania

Il turco è la seconda lingua più parlata in Germania, dopo il tedesco. È stata introdotta nel Paese dagli immigrati turchi che la parlavano come prima lingua. Questi immigrati hanno imparato il tedesco principalmente attraverso il lavoro, i mass media e gli ambienti sociali, e per molti di loro è diventata una seconda lingua. Tuttavia, la maggior parte degli immigrati turchi ha trasmesso la propria lingua madre ai figli e ai discendenti. I turco-tedeschi diventano bilingui fin da piccoli, imparando il turco a casa e il tedesco nelle scuole pubbliche; in seguito, una varietà dialettale rimane spesso nel loro repertorio di entrambe le lingue.

I turco-tedeschi parlano principalmente il tedesco in modo più fluente rispetto alla loro lingua “domestica”, il turco. Di conseguenza, spesso parlano il turco con un accento tedesco o un dialetto tedesco modellato. È anche comune all’interno della comunità modificare la lingua turca aggiungendo strutture grammaticali e sintattiche tedesche. In genere i genitori incoraggiano i figli a migliorare ulteriormente le loro conoscenze della lingua turca frequentando corsi privati di turco o scegliendo il turco come materia scolastica. In alcuni Stati della Germania, la lingua turca è stata persino approvata come materia di studio per l’Abitur.

Il turco ha avuto una certa influenza anche nella società tedesca. Ad esempio, negli spazi pubblici si trovano pubblicità e striscioni scritti in turco. Il turco è quindi familiare anche ad altri gruppi etnici e può persino servire come vernacolo per alcuni bambini e adolescenti non turchi nei quartieri urbani con comunità turche dominanti.

Turchi e religione

I turchi della diaspora sono prevalentemente musulmani e costituiscono il più grande gruppo etnico che pratica l’Islam in Germania. Dagli anni Sessanta, “turco” è considerato sinonimo di “musulmano”, perché in Germania si ritiene che l’Islam abbia un “carattere turco”.[Questo carattere turco è particolarmente evidente nell’architettura in stile ottomano/turco di molte moschee sparse in Germania. Nel 2016, circa 2.000 delle 3.000 moschee tedesche erano turche, di cui 900 finanziate dal Diyanet İşleri Türk-İslam Birliği, un braccio del governo turco e il resto da altri gruppi politici turchi. In Germania è presente una comunità cristiana di etnia turca; la maggior parte di loro proviene da contesti turchi musulmani recenti

Ristoranti turchi in Germania

Se siete amanti della deliziosa cucina turca, non cercate oltre la Germania. Il Paese ospita alcuni dei migliori ristoranti turchi d’Europa, che servono ogni tipo di piatto, dal köfte al kebab. Per facilitare la vostra ricerca del ristorante turco perfetto, abbiamo raccolto dieci dei posti più famosi e deliziosi di tutta la Germania. Continuate a leggere per scoprire i posti migliori dove mangiare cibo turco!

Anatolia Istanbul, Berlino

Questo ristorante a conduzione familiare serve deliziosi piatti tradizionali da oltre due decenni. Situato nel quartiere Mitte di Berlino, l’Anatolia Istanbul è specializzato in mezes (antipasti) come l’hummus e il baba ghanoush e in piatti di pesce appena cucinati, tutti serviti con un contorno di pane delizioso. Da provare anche la pide (pizza turca), preparata con carne macinata o formaggio.

Ristorante Akar, Amburgo

Situato nel quartiere St. Pauli di Amburgo, il ristorante Akar è noto per la sua atmosfera accogliente e per i deliziosi piatti tradizionali preparati con ingredienti freschi di provenienza locale. Il menu comprende tutti i tipi di mezes e kebab, carni alla griglia e opzioni vegetariane come falafel e borek (pasta ripiena di feta o spinaci). Il locale dispone anche di un’ampia carta dei vini, con vini turchi e di tutto il mondo.

Fabbrica di Kebab, Monaco

Recatevi al Kebab Factory di Monaco per vivere un’esperienza autentica senza spendere troppo. Questo locale senza pretese serve alcuni dei kebab più gustosi della città a prezzi molto ragionevoli: l’opzione perfetta per un boccone veloce in viaggio o per una cena economica in città. Si può scegliere tra manzo, pollo o opzioni vegetariane, tutti serviti con pane fresco e conditi con le loro salse tipiche.

Non importa dove vi troviate in Germania, ci sarà sicuramente un fantastico ristorante turco nelle vicinanze! Da Berlino a Monaco di Baviera e dappertutto nel mezzo, potete trovare tutti i tipi di piatti appetitosi che faranno cantare le vostre papille gustative! Sia che cerchiate qualcosa di veloce o che vogliate sedervi per un’accogliente cena in città, lo troverete in uno di questi famosi ristoranti tedeschi specializzati in cucina turca! Buon appetito!

Altri articoli: